You must have Javascript enabled to use this form.

Casetta Perfetta

Scheda sogno:

Questo è un sogno che ho fatto mentre schiacciavo uno dei miei interminabili pisolini pomeridiani. Mi è parso molto strano ed al contempo interessante, non solo per il sogno in sé, ma anche perché è continuato pure una volta che mi sono svegliato, per quanto non fossi pienamente cosciente.

All'inizio si vedeva un piccolo viale di casette colorate, fatte a stile cartone animato. C'era la voce di un bambino che parlava, e stava presentando la casa di una bimba, dicendo: <<Questa qua si è fatta questa bella casetta. Ma credete che non mi possa fare anch'io una casetta del genere?>>. Quindi la visuale si sposta su di un'altra casetta. La voce fa fare una visita della piccola casa a due piani, sempre fatta a modi cartone animato, quindi coloratissima e dalle forme molto morbide. <<Questo è il salotto, questa è la sala da pranzo dove mangiamo tutti assieme, questa è la mia cameretta dove tengo tutti i miei segreti>>. Poi ad un certo punto dice: <<E secondo voi può mancare lei? La mamma!>>, e compare sul divano del salotto una figura femminile che sembrava quasi una bambola. Poi continua <<ed ovviamente un ricordo del padre, morto tanto tempo fa>>, e compare sul comodino accanto al divano su cui sedevano la mamma ed il bambino una statuetta, una specie di pedina tutta arancione e sorridente con le sembianze del padre, ma estremamente semplificate. La voce continua <<Ecco, questa è la casa perfetta (certo, avrei voluto che fosse una femmina, così, sapete, femmina-femmina...)>>, con riferimento al bambino che sedeva con la mamma. Intanto si vedono la mamma ed il bambino che poggiano sorridenti le loro mani sul comodino, una sull'altra. Verso la fine non riuscivo quasi a parlare, poiché sentivo la gola stringere quasi come se mi si stesse piegando il collo in modo innaturale. Da qui capisco che la voce che parlava era in realtà la mia. <<Ma anche così è questa la mia perfetta famiglia>>, conclusi, ma il dolore era talmente lancinante che mi sono svegliato. Al risveglio, non ancora pienamente cosciente, ero triste ed ho iniziato a piagnucolare, pensando <<Però io so che non è mai stato così>>.

Contestualizzazione di questo sogno con la vita reale:

L'unica cosa inerente al sogno che sia veramente successa è il fatto che non vedo mio padre da tantissimo tempo, dato che vive all'altro capo dell'Atlantico. Per il resto, è quasi un'anomalia. Anche, e soprattutto, la frase del risveglio.

Commenti

Lunghezza Sogno

Mi scuso se il sogno è un po' lungo, ma tendo ad entrare molto nei dettagli e scrivere moltissimi particolari, che ritengo importanti al fine di una migliore possibile interpretazione. Oltre a ciò, i sogni li segno subito dopo averli fatti, ilché mi permette di ricordare molte più cose a riguardo. Mi scuso ancora.

L'ultima interpretazione

Oniromante: Morpheus

Cara marymi,
nonostante la preoccupazione e il turbamento provocati dal sogno, l'elaborazione onirica  ha decisamente un lieto fine con il ritorno della mamma creduta morta.

I sogni dei bambini spesso attraverso immagini forti...

Leggi tutto

Cosa aspetti?

registrati GRATIS
e comincia a scrivere
il tuo...

DIARIO DEI SOGNI